Come posizionare i cibi

Riponete gli alimenti negli appositi scomparti per essere certi di conservare alla giusta temperatura i prodotti, facendo attenzione a non mettere i prodotti a diretto contatto con le pareti dell’apparecchio. Chiudete le vivande già cucinate negli appositi contenitori per alimenti, sigillate bene le confezioni in modo da non alterare il sapore di cibi e bevande.

  • i ripiani superiori, a temperatura più elevata, sono adatti per yogurt, burro, formaggi a pasta dura.
  • i ripiani centrali sono adatti ad ospitare formaggi freschi, salse, dolci e cibi già cotti. Alla stessa altezza, nella controporta, è consigliabile inserire uova, latte, bibite, conserve, dadi per il brodo.
  • il ripiano inferiore, sopra i cassetti per frutta e verdura, è ideale per posizionare salumi, carne e pesce crudo; nella controporta, si collocano le bottiglie.
  • i cassetti per verdura e frutta devono essere ben chiusi per garantire ai vegetali un microclima ideale che non ne provochi la disidratazione. Soprattutto nei modelli no frost, dove l’aria è molto asciutta, fate attenzione che i contenitori siano chiusi quasi ermeticamente.

Congelare al meglio

  • Congelate solo i prodotti freschi. Assicuratevi che i cibi non siano già stati congelati, prima di essere messi in vendita, poiché non sopporterebbero un secondo trattamento.
  • I cibi devono essere riposti in porzioni singole e in confezioni sigillate idonee al contenuto per ripararli dall’aria e dall’umidità che potrebbero alterarli.
  • Cercate di congelare gli alimenti in piccoli tagli per poterli scongelare in dosi adeguate alle necessità. Infine, scrivete sempre sull’esterno del contenitore di quale alimento si tratta e la data di congelamento: dopo qualche settimana è facile dimenticarsi del contenuto delle vaschette poste nel congelatore.
  • Se si tratta di cibi cotti, attendete sempre che si raffreddino completamente (possibilmente coperti), prima di collocarli nel congelatore. Non versate cibi caldi in vaschette di plastica e non riempite mai completamente i contenitori, dato che congelando gli alimenti aumentano di volume in relazione al loro contenuto di acqua.
  • Rispettate i tempi di conservazione di ogni alimento.
  • Assicuratevi che le confezioni di surgelati siano integre; in caso contrario il prodotto potrebbe già essere deteriorato.
  • Riponete i prodotti da congelare a contatto con la griglia refrigerante o con le pareti del congelatore nel vano contrassegnato da ***
  • Rispettate la quantità massima di cibo da congelare in 24 ore, indicata sulla targhetta di matricola.
  • Consumate il cibo a rotazione in modo che i prodotti che rimangono nel congelatore siano i più recenti.

Pulizia interna

  • Pulire la cella frigorifero e il vano congelatore con una spugna inumidita in una soluzione di acqua tiepida e bicarbonato di sodio o aceto (un cucchiaino in due litri di acqua). L’aceto pulisce, sgrassa ed elimina gli odori stagnanti.
  • Pulite le guarnizioni delle porte con un panno appena umido, asciugatele e cospargetele di talco per mantenerle elastiche ed efficienti; sostituitele non appena notate che sono rovinate per non disperdere la temperatura interna.
  • Rimuovete con regolarità la polvere sul condensatore posteriore (serpentina) per non ostacolare il processo di raffreddamento.
  • Sbrinate l’apparecchio asportando periodicamente lo strato di ghiaccio sulle pareti interne con l’apposita paletta in dotazione.

Il risparmio amico

  • Tutti i nuovi elettrodomestici del freddo sono progettati per ridurre drasticamente i consumi energetici. Rispetto a 15 anni fa, un nuovo apparecchio permette in media un risparmio del 70% di energia elettrica.
  • La classe A+ rappresenta l’eccellenza. Riduce i consumi per un risparmio assoluto con minore impatto ambientale.
  • La classe A raggruppa i frigoriferi con il miglior rapporto tra prestazioni e consumi.
  • La classe B offre un buon rapporto fra consumi e prezzi d’acquisto.